Docenti universitari, avvocati e magistrati: ecco i fan rossi dell'immigrazione

Docenti universitari, avvocati e magistrati: ecco i fan rossi dell’immigrazione

Docenti universitari, avvocati e magistrati: ecco i fan rossi dell’immigrazione Dai tribunali di Firenze e Bologna al Tar della Toscana, ecco chi sono gli ultrà dell’accoglienza che combattono Salvini a suon di sentenze. “Quei magistrati avrebbero dovuto astenersi”. Al ministero dell’Interno non nascondo l’insofferenza nei confronti delle recenti incursioni da parte di certe toghe rosse contro le direttive firmate Matteo Salvini. Ma fanno anche sapere che non sono disposti a rimanere inermi dinnanzi a una simile ingerenza. Nei prossimi giorni, infatti, il Viminale impugnerà la sentenza del Tar di Firenzecontro le cosiddette “zone rosse” e riformulerà l’ordinanza per allontanare balordi e sbandati da alcune aree cittadine. Non solo. Verrà anche presentato il ricorso contro le sentenze dei tribunali di Bologna e Firenze che, facendo carta straccia del decreto Sicurezza, hanno permesso l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo. “Intendiamo rivolgerci all’Avvocatura dello Stato per valutare se i magistrati che hanno emesso le sentenze avrebbero dovuto astenersi, lasciando il fascicolo ad altri”, …

Così quel tribunale "buonista" ha dato protezione al pakistano di Viterbo

Così quel tribunale “buonista” ha dato protezione al pakistano di Viterbo

Così quel tribunale “buonista” ha dato protezione al pakistano di Viterbo Il pachistano arrestato stamane a Viterbo era regolare in Italia per sentenza del tribunale di Firenze. A presiedere la sezione che ha deciso è stato un magistrato favorevole all’accoglienza degli immigrati. Il pachistano finito in manette stamane a Viterbo con l’accusa di violenza sessuale su due ragazzine di 11 e 13 anni era regolare sul territorio nazionale per decisione del tribunale di Firenze. Lo straniero, infatti, aveva ottenuto la protezione dichiarando di essere omosessuale. L’ordinanza a favore dell’extracomunitario è del 5 aprile 2017. Nel primo semestre di quell’anno, secondo fonti del Viminale, il tribunale toscano aveva accolto l’87,5% dei ricorsi di chi non vuole lasciare l’Italia. È proprio in questo tribunale che, ad agosto 2017, è stata istituita la sezione specializzata sull’immigrazione presieduta dalla dottoressa Luciana Breggia, relatrice della sentenza che ha escluso il Ministero dell’Interno dal giudizio sull’iscrizione anagrafica di un …