Nazionale DJ a Piazzola sul Brenta (PD) all'Aperyshow del 25 Aprile 2018

Nazionale DJ a Piazzola sul Brenta (PD) all’Aperyshow del 25 Aprile 2018

Nazionale DJ a Piazzola sul Brenta (PD) all’Aperyshow del 25 Aprile 2018 MERCOLEDI 25 APRILE 2018 dalle ore 15.00 presso lo stadio PAOLO CAMERINI in Via dei Contarini a Piazzola sul Brenta in occasione di Aperyshow Charity Event 2018 quadrangolare di beneficenza con la Nazionale DEEJAY, Nazionale ARTISTI TV, Nazionale Mondo della NOTTE e Nazionale HIP HOP. Alla sera a partire dalle 21:30 grande festa ed esibizione dei DJs della Nazionale presso Anfiteatro Camerini, Piazzola sul Brenta. Il prezzo d’ingresso per la partita è di 5 euro a persona. Ingresso gratuito per i bambini fino a 10 anni. L’intero incasso sarà devoluto in beneficenza alle associazioni ONLUS: Giochiamo con Sofia e Giorgia Libero Onlus. Sarà presente un’area food interna allo stadio. Saranno presenti in campo e all’evento serale per beneficenza: STEFANO NOFERINI ,SAMUELE SARTINI, DJ ROSS, PROVENZANO DJ, ​MERK & KREMONT, LUCA TESTA, MARNIK, DJS FROM MARS, MAXIMALS, RICKY LE ROY, NRD1 from SHANGUY, JACK MAZZONI, LEANDRO …

Nazionale DJ all'Aperyshow Charity Event il 25 Aprile a Camposampiero (PD)

Nazionale DJ all’Aperyshow Charity Event il 25 Aprile a Camposampiero (PD)

Nazionale DJ all’Aperyshow Charity Event il 25 Aprile a Camposampiero (PD) Si apre la nuova stagione della Nazionale Italiana Calcio DJ con la prima partita in beneficenza a Camposampiero, Padova, martedì 25 Aprile 2017 allo stadio Emanuele Mason a partire dalle ore 15. Giocheranno contro la Nazionale DJ le concessionarie radio emittenti del triveneto e i gestori / pr del mondo della notte. Un triangolare di calcio a favore delle onlus “Giochiamo con Sofia” e “Giorgia Libero”. ONLUS Giochiamo con Sofia Nasce in memoria della piccola SOFIA ZELLA volata in cielo lo scorso aprile 2015 a soli 3 anni di una rara malattia genetica. L’obbiettivo dell’associazione è quello di abbattere i limiti e gli ostacoli che impediscono ai bambini malati di vivere quelli che sono a tutti gli effetti i loro diritti, ovvero di dedicarsi al gioco senza discriminazioni, potendo alleviare grazie alle proprie famiglie, seppur in minima parte, il dolore …