Incendio nel Pisano: brucia il monte Serra, fiamme verso Calci

Incendio nel Pisano: brucia il monte Serra, fiamme verso Calci

PISA – Il Monte Serra brucia. Centinaia di ettari di bosco ridotti in cenere, più di 500 le persone evacuate, minacciate case, villette, ripetitori delle più importanti televisioni nazionali e una certosa, quella di Calci, straordinario monumento del Seicento e del Settecento che custodisce anche il museo di storia naturale dell’Università di Pisa. Da lunedì sera la montagna più alta che divide le province di Pisa e di Lucca è in fiamme. Un incendio di bosco, che secondo i vigili del fuoco è quasi certamente di natura dolosa, ha già divorato alberi secolari, macchia mediterranea e, spinto da un vento fortissimo con raffiche sino a 80 chilometri orari, e martedì mattina si sta spingendo verso il comune di Calci. Centinaia le persone sfollate e che sono fuggite terrorizzate dalle loro case.

Evacuazione

A Calci il sindaco Massimiliano Ghimenti ha aperto una palestra dove molte persone hanno trascorso la notte. «Operare per lo spegnimento è impossibile. La popolazione più prossima deve lasciare le abitazioni», ha scritto su Facebook il sindaco Ghimenti. «Tutte le squadre sono dedicate alla protezione delle abitazioni. Chi vede il fuoco vicino esca di casa». Nessuno è rimasto ferito ed è stato un miracolo perché nella notte le fiamme sono state così violente da minacciare anche i vigili del fuoco e le altre squadre di soccorso. «Nella notte abbiamo rischiato di perdere due squadre», ha detto Ugo D’Anna, comandante dei Vigili del fuoco di Pisa. «L’incendio è molto esteso e potente». Probabilmente i soccorritori sono stati circondati dal fuoco che il vento spinge molto velocemente e lo fa girare di direzione in modo imprevedibile. Alcuni abitanti hanno invece accusato problemi respiratori e sono stati accompagnati al pronto soccorso di Cisanello, l’ospedale principale di Pisa.

Fonte Corriere Della Sera

Incendio nel Pisano: brucia il monte Serra, fiamme verso Calci